Diritto Civile

Morso del cane: caso fortuito, esclusa responsabilità ex art 2052 cod. civ.

Giustizia Legge rimborso morso da cani
Legge rimborso morso da cani
Il Tribunale di Ascoli Piceno rigetta la domanda di risarcimento del danno proposto da un soggetto il quale, in qualità di elettrauto e in occasione di un intervento all'auto della convenuta presso l'abitazione di quest'ultima, si era avvicinato al cane per calmarlo. L'animale, di piccola taglia, si trovava dentro il proprio recinto il quale portava la scritta "attenti al cane" quando l'elettrauto entró nella proprietà della convenuta. Il cane si era dimostrato innervosito sin dall'ingresso dell'estraneo presso l'abitazione tanto che, quando questo si avvicina al recinto e introduce una mano tra le sbarre di ferro per calmarlo, il cane lo morde.
Il Tribunale di Ascoli Piceno richiama l'art. 2052 c.c. quale norma applicabile nel caso di specie e, previa escussione testi e previa Ctu, ritiene che "tale condotta della vittima costituisce caso fortuito idoneo ad escludere la responsabilità ex art. 2052 c.c., perché comunque caratterizzata da imprudenza nell'avvicinarsi, senza alcuna reale necessità ad un animale a lui sconosciuto che stava oltre tutto manifestando, abbaiando, segni di nervosismo aggressivo contro il visitatore".
Il giudicante, dunque, vista l'integrazione del caso fortuito, dichiara doversi rigettare la domanda di risarcimento del danno ex art. 2052 c.c., nonostante l'Inail avesse riconosciuto l'infortunio sul lavoro.



NULL
NULL


I servizi per te da Italia Diritto
richiedi valutazione e preventivo
chiedi consulenza al telefono
consulta scheda avvocati
chiedi un preventivo per il tuo caso
hai un problema urgente?
cerca avvocato: lista avvocati in italia